Nostalgia canaglia

Mi chiedo: cosa si può dire del mezzogiorno guardandolo da qui (cioè dal Piemonte-dove io sono ora)?

Uno: che non si vede. Da qui io vedo le montagne con anche le cime innevate, e a mezzogiorno (l’ora) mi pare che l’ombra degli alberi non sia giusta.

Due: che mi manca casa. Cioè non solo proprio casa mia ma anche per esempio il fatto che a mezzogiorno (il posto) se uno ti offre il caffè non è che ti dice “sai, tu me l’hai offerto ieri”, come per giustificarsi. Dà per scontato che è un piacere offrirti un caffè, e capisce che se ti dice che te lo offre perché tu gliel’hai offerto ieri non è che sia proprio una cosa bella.

Tre: che il marocchino (caffè macchiato con spuma di latte e spolverata di cacao) a me non riesce a non sembrarmi razzista chiamarlo marocchino. Che io preferisco chiamarlo espressino.

Contrassegnato da tag , , , , , , ,

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: