Parole al vento

Ieri sono andata al mare. C’era un vento pazzesco e la sabbia che è bianca e sottile volava fortissimo e certe volte ti faceva pure male a sbatterti in faccia. Mi sono arrampicata sulla cima di una duna, non l’avevo mai fatto. Dalla cima della duna vedevo la campagna e tutte le altre dune e poi il mare. La litoranea, che qui è una strada che taglia le dune a pochi metri dal mare, quasi non si vedeva e dava l’illusione che la bellezza di questo paradiso fosse rimasta intatta.

Poi nel punto dov’ero non c’erano case abusive, è un punto prezioso, la vista verso il mare correva libera. Che meraviglia.

Quando vedi delle cose così belle, poi non riesci neanche ad arrabbiarti. Io provo solo tanta nostalgia per quando quella strada non c’era e uno si arrampicava sulle dune e poi arrivava al mare. Doveva essere incredibile. E allora io mi dico, ok che quel che è fatto è fatto, ma come possiamo fare per non trasformare tutto questo in un enorme parcheggio sull’acqua?

Sono andata via, c’era troppo vento. Scendendo dalla duna e facendo qualche centinaio di metri, gli abusi sono rientrati violentemente nel mio campo visivo. Sulla strada per casa pensavo che tutti dicono che tutto si presta a strumentalizzazioni politiche. Però, porca miseria, ci sono delle cose vere la cui verità è inequivocabile. Una di queste è che i piani regolatori aiutano a difendere un territorio dagli scempi. Se sono ben fatti lo aiutano meglio, ma comunque è meglio se ci sono, perché la loro assenza apre la strada agli abusi, ai prepotenti, a quelli che se ne fregano della cosa pubblica. E allora, mi chiedo, perché a Lizzano un piano regolatore al mare nel 2009 ancora non ce l’abbiamo?

Andando a zonzo per la litoranea in una giornata di vento, capita di trovare cose interessanti.

Contrassegnato da tag , , , , , ,

2 thoughts on “Parole al vento

  1. jose pagano scrive:

    …..ragazzi, pienamente d accordo con voi, ma bisognerebbe cambiare la cultura della gente, a poco sono servite le discussioni verbali verso chi non capisce o non vuol capire l importanza e il valore di una duna, di un paesaggio naturale incontaminato da case abusive che nonostante tutto non rispettano minimamente l ambiente circostante rivestite con cattivo gusto da mattonelle da bagno avanzate durante l ultimo ripristino fatto nella casa in paese. Quando davanti ad un tramonto che riflette tra mare e dune, chiacchierando con altre persone, uno di loro se ne esce dicendo ” Si mà se si spianassero queste dune, si parcheggerebbero più macchine sulla litoranea !! “….Che dire o meglio che fargli ad un individuo che non si rende conto di ciò che ha davanti?… Molti vorrebbero parcheggi, alberghi, case(orribili) sulla costa.. ma chiedamogli a quest ultimi dove gli piacerebbero trascorrere le vacanze,? la risposta sicuramente sarà” in un posto incontaminato “.

  2. pier scrive:

    maria santa.
    boh, a me viene soltanto da dire questo.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: