Non è un incubo

Non è un brutto sogno dal quale possiamo aspettare di svegliarci da un momento all’altro. Se non facciamo qualcosa, la situazione potrebbe addirittura peggiorare.

Ieri l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha pubblicato un rapporto sull’emergenza incidenti stradali. Ogni anno muoiono sulle strade 1,2 milioni di persone. Ci sono 50 milioni di feriti all’anno sulle strade. E un altro dato molto significativo è che il 90% di questi incidenti avviene nei paesi in via di sviluppo. Il che vuol dire che avviene in contesti nei quali la politica “ha problemi più seri” che non preoccuparsi della manutenzione delle strade e dell’attuazione di campagne volte a un uso responsabile dell’automobile. E anche che, per forza di cose, le automobili che circolano nei paesi in via di sviluppo sono meno sicure delle nostre.

Questo è un dato importante, perché molto spesso sentiamo dire che il problema è che le automobili oggi sono troppo veloci. E questo dato ci dice che il problema non è questo. Le automobili moderne sono più sicure. E la differenza la fanno la condizione delle strade e la responsabilità di chi è al volante.

E’ un argomento spinoso da trattare. Il mio paese è stato sconvolto da tante morti di giovani ragazzi sulle strade che io ho percorso ogni giorno per andare a scuola. Così tanti che nel centro storico di Lizzano c’è addirittura una lapide per ricordarli.

Gli incidenti stradali sono la prima causa di morte per le persone tra 5 e 29 anni. Forse ce ne dovremmo occupare di più, data la rilevanza del problema. Dobbiamo pretendere che la condizione delle strade sia migliorata, che la messa in sicurezza della rete stradale sia una delle massime priorità dell’amministrazione di un paese civile.

E poi, forse, dovremmo anche investire di più in campagne che possano sensibilizzare davvero i giovani a un uso responsabile dell’automobile. Le nostrane “pubblicità progresso” sono sempre degli esperimenti buonisti che non hanno quasi nessun impatto con le nostre abitudini di guida.

Circa un anno fa, la BBC ha lanciato questa campagna. E’ un video forte, vi avverto. Se siete facilmente impressionabili non guardatelo. E’ stato realizzato da un regista con attori professionisti ed è strutturato in modo da cambiare qualcosa realmente in quella che noi possiamo considerare la nostra percezione del rischio legato ad alcune abitudini di guida. Nella sua durezza, mi sembra un esperimento riuscito. Io, dopo averlo visto, non lo guardo neanche il cellulare quando sono in macchina.

Contrassegnato da tag , , , , , , ,

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: