E comunque stasera “l’Italia è un paradiso”

Alle 20:30 in Corso ai due mari a Taranto, di fronte all’hotel Europa, avrò l’onore di essere ospitata al 5° appuntamento di Estaboom. Con Alessandro Leogrande (quello che ha scritto “Uomini e caporali”) e Cosimo Argentina (quello che ha scritto per Fandango “Cuore di cuoio”).

Se venite, mi fa proprio piacere.

Questa qui sotto è la sinossi della lettura che presento io, accompagnata al clarinetto da Alessandro Schirano.

“L’Italia è un paradiso” è allo stesso tempo un augurio e una affermazione provocatoria. Le
storie che emergono attraverso i brani di Fabio Geda e di Fabrizio Gatti raccontano due
diverse nazioni: un’Italia che accoglie, che capisce, che incontra e poi un’Italia
cattiva che emargina, schiavizza, violenta, uccide. Raccontano due paesi possibili che
convivono nella realtà in una nazione sola, la nostra Italia. La storia del piccolo Enaiatollah
Akbari e quella dei braccianti della provincia di Foggia rispecchiano non solo due
situazioni reali, ma anche due ipotesi sul paese che vorremmo. “L’Italia è un paradiso” è il
tentativo di raccontare l’immigrazione in modo diverso da come lo fanno i mass media, è
una sfida a sottrarsi, almeno per mezz’ora, alla logica assurda del “clandestino”.

Contrassegnato da tag , , , , , ,

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: