Riassunto delle puntate precedenti

Buongiorno a tutti.

Scusate la mia assenza di quasi due settimane, ma sono stata via con kiLodRamMi per le prove del nostro nuovo spettacolo “Somari”, con cui siamo in corsa per il premio Scenario Infanzia.

Mi sembra che in queste quasi due settimane a Lizzano sia successo di tutto. Per cui mi dovete consentire un po’ di tempo e pazienza per riprendere le fila del discorso… Allora, andiamo con ordine.

1) Ci sono due nuove foto per il concorso la puzza che si vede, e ve le metto subito qui. La prima è di Domenico De Punzio e la seconda di Valerio Chionna (starring Piero Pagano).

2) Attiva Lizzano ha intrapreso una bellissima iniziativa di protesta e sta raccogliendo lenzuola e teli per poter preparare un po’ di striscioni da appendere in paese in modo da poter raccontare e raccontarci il disagio che si fa sempre più insopportabile. [Per chi avesse ancora dei dubbi, stiamo parlando della puzza della discarica.] Informatevi presso la loro sede in via Canova o contattateli su facebook e partecipate!

3) E’ iniziata la raccolta dei rifiuti porta a porta, e questa notizia merita un approfondimento particolare per cercare di capire se sta funzionando, come è partita e se c’è stata un’adeguata informazione in merito.

4) La questione dell’uomo condannato per pedofilia cui sono stati concessi gli arresti domiciliari presso il Convento San Pasquale. Badate che scrivo “l’uomo che è stato condannato per pedofilia” e non “il pedofilo”.

Su questo mi concedo subito una breve riflessione: quando si scatena una caccia all’uomo o qualcosa di simile, questo non è mai un buon segno per nessuno. C’è bisogno che questo venga detto a chiare lettere, perché l’idea di “firmare contro il pedofilo” a me fa abbastanza paura.

Senz’altro la decisione del giudice sembra totalmente inopportuna: per la comunità parrocchiale, ma anche per lo stesso condannato. Cos’è che hanno pensato di mettere su, una grottesca “pena del contrappasso”? Se il convento fosse un eremo, o un monastero isolato, tutto questo potrebbe anche avere un senso (non sono della scuola di quelli che “deve marcire in galera” e immondizia del genere). Il problema è che così come mi sembrerebbe avventato provare a reinserire un tossicodipendente che cerca di uscire dal problema, in un’unità antidroga della polizia, così mi sembra assurdo reinserire un uomo che ha commesso quel tipo di crimine in una struttura in cui tra catechismo, asilo eccetera ci sono in giro così tanti bambini e adolescenti. Mi sembra ingiusto nei confronti di quell’uomo così come dei ragazzi.

Per il resto degli approfondimenti… ci vediamo qui nei prossimi giorni!

P.s.: Continuate a fotografare e mandateci le foto! lapuzzachesivede@gmail.com

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , ,

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: