Un po’ di titoli

Qualche giorno fa ho lasciato la casa a Milano. A partire dal 3 gennaio mi trasferirò a San Francisco. Non è il primo trasloco, ne ho fatti parecchi finora. Ma questo è senz’altro il primo in cui il passaggio successivo è trasferirsi con un visto “immigrant” in un altro Paese.

Una delle cose più ingombranti e pesanti che ho dovuto spostare (e che non potrò portarmi dietro) sono i libri. Sono abbastanza convinta che siano un oggetto obsoleto, e che nelle case del futuro non ci saranno librerie, perché tutti leggeremo i libri su tablet e e-reader. Non ne faccio una tragedia, mi sembra un’evoluzione naturale delle cose, e anche un’evoluzione comoda: senza libri il mio trasloco sarebbe stato molto più facile!

Però ora che sono a casa, mi è venuta voglia di tirare fuori alcuni libri dagli scatoloni, e di lasciare nella mia camera (c’è spazio solo per pochi di loro!) alcuni di quelli a cui sono affezionata, o meglio, quelli che credo abbiano avuto un impatto sulla formazione della mia identità di oggi. E mi è venuta voglia di elencarli, in ordine di come sono disposti, non di importanza. Mi fa piacere sapere che c’è un posto in casa mia, in cui questa manciata dei libri sta insieme. In questo modo, mi sembra di avere un àncora da qualche parte (e mi chiedo: “quale sarà l’analogo digitale di quest’àncora?”). Intanto eccoli:

1) Dostoevskij, I fratelli Karamazov

2) Fabio Geda, Nel mare ci sono i coccodrilli

3) Freud, La psicanalisi infantile

4) Nazareno Dinoi, Dentro una vita

5) Amara Lakhous, Scontro di civiltà per un ascensore a Piazza Vittorio

6) Enzo Mari, L’altalena

7) Shaun Tan, L’approdo

8) Bruno Munari, Nella nebbia di Milano

9) Mis Primeras 80.000 palabras

10) Concita De Gregorio, Malamore

11) Erasmo da Rotterdam, Elogio della follia

12) Ennio Flaiano, Tempo di uccidere

13) Altazor, Vicente Huidobro

14) Massimo Mila, Breve Storia della Musica

15) Thomas Eliot, La terra desolata – Quattro quartetti

16) Ovidio, Metamorfosi

17) Hanif Kureishi, Il Budda delle periferie

18) Pamuk, La casa del silenzio

19) Bertolt Brecht, Mother Courage and her children

20) Shakespeare, Troilo e Cressida

21) Shakespeare, King Lear

22) Piva, Apocalisse da camera

23) Azar Nafisi, Leggere Lolita a Teheran

24) Claudio Magris, Lei dunque capirà

25) Cortazar, Fine del gioco

26) Nicanor Parra, Ojas de Parra

27) Susan Sontag, Davanti al dolore degli altri

28) Tolstoj, Il prigioniero del Caucaso

29) Alan Ginsberg, Howl

30) Ernesto De Martino, Sud e magia

31) Goliarda Sapienza, L’arte della gioia

32) Szymbroska, Discorso all’ufficio degli oggetti smarriti

33) Szymbroska, Ok? Nuove letture facoltative

34) Jimmy Corrigan, Il ragazzo più in gamba sulla terra

35) Shel Silverstein, A giraffe and a half

36) Wolf Erlbruch, Ente, Tod und Tulpe

37) Carlo Fabbri, La Pieve di Gropina

38) Luoghi d’Arte e di Fede a Loro Ciuffenna

39) Iran

40) Ritzer, La religione dei consumi

41) Willett, Brecht on theatre

42) Dario Fo, Pagine scelte

43) Norman, La caffettiera del masochista

44) Carlson, Performance

45) Caillois, L’occhio di Medusa

46) Mazzocut-Mis, Voyeurismo Tattile

47) Emanuele Riverso, Iran

48) Giacomelli, La magia del significato

49) Fitzgerald, Khayyam’s Quattrains

50) Cervantes, Don Chisciotte

51) Rostand, Cyrano de Bergerac

52) Jerzy Grotowski, Per un teatro povero

53) Stanislavskij, Il lavoro dell’attore su se stesso

54) Tadeusz Kantor, Il teatro della morte

55) Tadeusz Kantor, La classe morta

56) Coblenzer e Muhar, Respiro e voce

57) Le Coq, Il corpo poetico

58) Polly Irvin, Directing for the stage

59) Anais Vaugelaude, Una zuppa di sasso

60) David Small, Stiches

61) Vito Mancuso, Io e Dio

62) Marjane Satrapi, Persepolis

63) Robert Crumb, Kafka

 

 

Contrassegnato da tag , , ,

2 thoughts on “Un po’ di titoli

  1. Riccardo scrive:

    Ciao Francesca,

    Io sono uno degli ultimi sostenitori della cellulosa🙂
    Alcuni dei titoli da te elencati sono molto interessanti.

    Se non vi è un legame affettivo, o se non sono già stati destinati, posso proporti di acquistarli in blocco ?

    Devo ancora trovar qualcosa che strizza l’occhiolino alla mia curiosità più dei libri ..

    Spero tu possa aver il tempo per rispondermi, qui nei commenti (ho attivo la notifica di risposta) oppure consulta il mio sito e troverai i miei riferimento mail Facebook o Twitter

    Grazie e buone feste ed impacchettamenti

  2. Riccardo scrive:

    Ciao Francesca,
    per i libri che non stanno in camera tua e che non ti porti negli States,
    saresti interessata a venderli/cederli in blocco ?
    Io son uno dei pochi ultimi amanti della carta ed alcuni di quei titoli sono molto interessanti.
    Hai i miei riferimenti tra nome mail e sito.
    Grazie

    Ciao
    Riccardo

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: