Archivi tag: 28 novembre

I bambini di oggi

Che questa può sembrare un’espressione di quelle espressioni trite e ritrite è vero, però vedete che io intendo proprio i bambini che ho visto oggi, quelli che stavano manifestando insieme a me nel centro di Taranto.

Quando ancora stavamo camminando verso l’arsenale, dove era il punto d’incontro, li ho visti scendere dalle macchine insieme alle mamme, e tirare fuori un po’ impacciati i cartelloni che portavano, più grossi di loro (anche questo è un luogo comune ma per una volta è bello e soprattutto è vero!). I loro erano cartelloni gentili: “Sig. Ministro qui si muore di diossina”, poi un disegno di una città verde, felice e la scritta “Taranto come la sogniamo noi” e così via. Ce n’erano tantissimi di bambini.

A vederli mi hanno dato un po’ di speranza. E non perché i bambini sono il simbolo della speranza del mondo eccetera eccetera, non per questo. No perché a Taranto comunque non è così. I bambini a Taranto sono un simbolo del pericolo costante in cui viviamo perché a Taranto, quelli che non si ammalano di tumore o di leucemia, si considerano sopravvissuti. Perché un bambino su tre a Taranto c’ha una tosse che non passa mai che poi è causata dal fatto che a Taranto, un bambino su tre c’ha i bronchi ostruiti. Come se fosse un fumatore incallito. E parlo di bambini da 0 a 5 anni.

E allora, direte voi, com’è che sti bambini ti hanno dato un po’ di speranza? Il fatto è che mi sono ricordata che quando ero piccola io, che avrò avuto 7 anni, una domenica con i miei genitori avevamo fatto una gita che mi era piaciuta tantissimo. Eravamo saliti su una specie di trenino, avevamo visto degli edifici grossissimi, ci avevano spiegato che quella cosa che stavamo vedendo era la più grande d’Europa e io ero orgogliosa perché ce l’avevo proprio vicino a casa mia. Alla fine di questa gita ci avevano anche dato le pizzette e i succhi di frutta, poi avevano acceso un fuoco e i vigili del fuoco avevano fatto una specie di spettacolo che a me mi era sembrato bellissimo: si erano buttati dalla finestra per spegnere il fuoco perché in quel posto lì tutti erano davvero bravi e superaddestratissimi.

Non so se l’Ilva ha ancora il raccapricciante coraggio di organizzare queste gite che fanno sembrare quella fabbrica di morte un paese dei balocchi.

Fatto sta che nessuno dei bambini di oggi sembrava avere la testa d’asino. E allora ho pensato che la battaglia sarà forse lunga e difficile, ma che la vinceremo, perché i bambini di oggi la sanno molto più lunga di quanto non la sapevamo noi.

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , ,

Gente gente gente non state lì a guardare/venite qui con noi a manifestare

Eccomi, sono tornata a mezzogiorno. E devo dirvi subito una cosa importantissima: domani vado a Taranto alla manifestazione per l’ambiente, è alle 9 e ci riuniremo davanti alle porte dell’Arsenale per dare il via al corteo che attraverserà la città.

Sono contentissima e credo che, se qualcuno di voi è in zona, dovrebbe assolutamente venire. Questo evento mi sembra di una portata storica. Non è la prima manifestazione che Taranto fa per l’ambiente, l’anno scorso per esempio, in questo periodo, c’era stata la cosiddetta “marcia dei ventimila” per rivendicare il diritto alla salute, al lavoro, all’aria pulita.

Il ricatto “salute o lavoro” è una cosa che era inaccettabile anche nella prima rivoluzione industriale, figuriamoci adesso! I piani di riconversione delle industrie esistono, cambiare rotta è possibile! I cittadini di Taranto e provincia chiedono di poter cambiare rotta e di non essere abbandonati in questa nave alla deriva che ci fa sentire come i topi nella stiva durante un naufragio.

Io e i miei amici di Lizzano domani manifesteremo non solo contro lo scempio dell’Ilva, ma anche contro le discariche come la Vergine o la Ecolevante, che imbottiscono le nostre terre di rifiuti tossici, e che pensano di poterci tenere buoni con una manciata di euro.

A Riva, a Vergine e a tutti coloro che credono che resteremo a guardare mentre loro si inghiottono la nostra terra trasformandola in una prigione puzzolente, noi diremo basta. LA PROVINCIA DI TARANTO NON MORIRA’ CON VOI, NOI VOGLIAMO RINASCERE, ADESSO.

Contrassegnato da tag , , , , , , , , ,
Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: