Archivi tag: aumento dell’eluato

Alessandro non è di Lizzano

Eppure ha trovato su internet i nostri video, e ha deciso di farne uno lui. In cui invita tutti gli italiani a stare dalla nostra parte, perché “Lizzano è l’Italia e l’Italia è Lizzano”. L’ho trovato per caso stamattina, spulciando i link dai quali erano arrivati a questo blog. A quanto pare non è vero che a nessuno gliene importa niente.

 

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Conti alla rovescia

Ok, l’estate sta finendo, come diceva la canzone. Quasi tutti siamo tornati dalle ferie, dalle vacanze, eccetera. O almeno ci stiamo preparando a tornare. La puzza non è andata in vacanza, però. Ha continuato a farci compagnia durante l’estate, fregandosene della nostra voglia di tenere le finestre aperte o di stare seduti fuori. A me il “mal di gola da puzza” in alcuni casi mi è rimasto fino a due giorni dopo.

Neanche l’Ilva è andata in ferie. Il quotidiano Tarantoggi ha fatto partire un conto alla rovescia (oggi siamo a meno cinquanta) perché il 23 ottobre è la data in cui il sindaco di Taranto Ippazio Stefàno potrà chiedere il risarcimento all’Ilva per i gravi danni all’ambiente secondo una sentenza della Cassazione del 2005.

Tra qui e ottobre, quindi, aspettiamo due decisioni estremamente importanti per il nostro paese e tutto il territorio della provincia di Taranto: la regione Puglia concederà alla discarica Vergine la deroga per l’aumento dell’eluato? Il sindaco Stefàno chiederà all’Ilva il risarcimento per tutti i danni inflitti alla città e alla provincia di Taranto?

Cercheremo di analizzare meglio entrambe le questioni nelle prossime puntate. Se volete aiutarmi, mandatemi informazioni, opinioni, articoli e quant’altro commentando a questa pagina, oppure direttamente al mio indirizzo email: francescavallo@gmail.com (attenzione è FRANCEScavallo).

Contrassegnato da tag , , , , , , ,

Davvero è tutto in regola?

Ci sono alcuni lizzanesi che quando gli parli della puzza ti dicono “è tutto in regola”. Allora tu gli domandi “ma la puzza la senti?” e loro ti rispondono “le carte sono tutte a posto”. Per me rimane questo modo di ragionare rimane un mistero. Stamattina alle cinque mi sono svegliata con la sensazione che qualcuno mi stesse strangolando. Mi sono svegliata, ed era la puzza. Ho chiuso la finestra, ma era già dentro e la gola ha continuato a farmi male per ore. Il pensiero che le carte fossero in regola non è riuscito ad alleviare il fastidio, la nausea, nè a farmi riaddormentare.

Ma il fatto è che, anche se uno si suggestiona a tal punto che quando viene svegliato dalla puzza pensa che le carte sono in regola e si riaddormenta felice e sereno, anche se uno riesce così tanto a manipolare la sua percezione della realtà, non si può ignorare il fatto che non è vero che le carte sono tutte in regola. Che se lo fossero non nascerebbero le inchieste. Come quelle che sono nate negli scorsi anni, e come quella in corso adesso, di cui abbiamo parlato, l’inchiesta Ragnatela.

Guardate questo servizio di Antennasud. Il tg del 16 luglio.

Contrassegnato da tag , , , , ,

E cè ma ffa’?

Avvertenza: questo è uno sfogo.

Pare che la Regione Puglia abbia accordato la deroga, forse per un periodo di tempo che per ora è limitato, ma pare che l’abbia accordata. Non è vero che la Provincia di Taranto aveva revocato il parere positivo per la concessione della deroga. Lo ha lasciato lì quel parere che non ci nominava neanche noi cittadini. E ha anche tentato di prenderci in giro dicendoci un po’ così che lo avevano revocato. Cose da ricordare alle elezioni. Stiamo cercando di capire come stanno le cose, stasera faremo una riunione ad Attiva Lizzano dove studieremo la delibera della giunta regionale.

Poi pare anche che ci sia stato uno sversamento del depuratore all’altezza dell’Ostone. Mancanza di manutenzione, gente che, con ostinazione, fa male il suo lavoro. Amministratori, tecnici, impiegati. Sopravviveremo a tutto questo? Forse sì, ma riusciremo a cambiare questa “sopravvivenza” in “vita”? Riusciremo a non distruggere con tanta forza tutto quello che abbiamo? Idee, persone, risorse naturali, speranze, vite.

Continuo a vedere per le strade la maggiorparte delle persone che va in motorino senza casco, in macchina senza cintura. Eppure a Lizzano dovremmo averlo capito che la strada è un posto molto pericoloso. Dio mio, dovremmo averlo capito.

Quanti altri giovani dovranno morire? Quante altre vittime sacrificali pretenderemo per iniziare a prenderci in mano la responsabilità della nostra vita?

Fare bene il proprio lavoro, mettersi il casco, non diffamare, pensare al bene pubblico come al proprio, far circolare le buone notizie, pretendere la raccolta differenziata… non sono cose difficili. Eppure sembrano un miraggio e tutto sempre si risolve con una scrollata di spalle e un “e ce ma fa’?”.

Qualcosa da fare c’è. Ormai non si può più nascondersi dietro un dito o dietro muri di silenzi o di parole. Sappiamo tutti che c’è da fare. Dobbiamo solo iniziare a farlo.

Contrassegnato da tag , , , , , , , ,

Provincia e discarica: sì o no?

Stiamo cercando di capirci qualcosa. Se qualcuno di voi può aiutarci a fare luce, si faccia avanti. Qui il mistero si infittisce.

Contrassegnato da tag , , , , , , ,

Fantagiornalismo.

Il Corriere del Giorno ha fatto un errore clamoroso. Vogliamo chiamarlo così, anche se è troppo grosso e potrebbe essere uno di quegli errori che raccontano di un’informazione malata, troppo spesso per niente serena e quindi non in grado di fornire informazioni accurate e imparziali sulla realtà che ci circonda. Si tratta di una piaga nazionale che non può non avere dei riflessi anche sul piano locale.
Speriamo che provvedano prontamente e con lo stesso risalto a dare smentita di questa pagina uscita il 13 luglio, il giorno dopo che la Conferenza dei Servizi ha ulteriormente rimandato la decisione sulla deroga e dunque NON L’HA CONCESSA a differenza di quanto si legge nel titolone dell’articolo.

Ci auguriamo che si tratti di un errore e che non significhi che il Corriere ha già informazioni che noi non abbiamo e che neanche la Conferenza dei Servizi stessa ha.
I toni entusiastici dell’articolo, in cui il Sindaco di Monteparano pare dire “tutto risolto, hanno detto che ora la puzza smette, potete andare a casa” non mi lasciano per niente traquilla. Non mi sembra questo il modo di fare politica seriamente (e neanche informazione). Insomma, parafrasando Gaber potremmo dire “due miserie in un articolo solo”, complimenti.

Contrassegnato da tag , , , , , ,

Decisione rimandata

Non conosco i dettagli, ma pare che la conferenza dei servizi (che doveva decidere oggi sull’autorizzazione per l’aumento dell’eluato della discarica Vergine) abbia ulteriormente rimandato la decisione. Intanto sembra che i comuni abbiano dato tutti parere negativo, quindi la Regione si sta prendendo più tempo per riflettere. Mi pare una buonissima notizia, vuol dire che la pressione dell’opinione pubblica, forse, sta sortendo qualche effetto. Di conseguenza, non molliamo!

Mi hanno detto che domani ci sarà una riunione di Attiva Lizzano dove chi è intervenuto all’incontro di oggi spiegherà per bene com’è andata. Informatevi. Io se potessi ci sarei. Ma domani attraverserò l’Italia in treno a bordo di un intercity e tutto mi fa pensare che arriverò sui gomiti.

Mi farò raccontare da chi c’è.

Contrassegnato da tag , , ,
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: