Archivi tag: Etta Ragusa

Rallegratevi ed esultate

E’ di questi giorni la notizia che (strano a dirsi) l’emergenza rifiuti campana non era affatto stata risolta dal nostro super presidente del consiglio con la sua mitica bacchetta magica e il suo scintillante ottimismo. Infatti, com’era ovvio, non essendo intervenuti alla base del problema – cioè attuando una politica che diminuisse la quantità dei rifiuti implementando pratiche di riuso e riciclo – la munnezza è ricomparsa.

Poiché alla testa del nostro paese c’è ancora la stessa gente, la strategia di risoluzione del problema sarà, ancora una volta, cercare di nascondere queste tonnellate di mmunnezza sotto il tappeto di qualcuno, in modo da poter mandare canale 5 a riprendere le strade sgombre e dei cittadini-comparsa sorridenti e soddisfatti. Tanto poi Canale 5, nei posti dove si sotterra quella munnezza, non ci va.

Ma chi avrà l’onore di accogliere quelle migliaia di tonnellate di rifiuti per sgombrare il set campano in tempo per l’arrivo delle telecamere? Noi! Noi miei cari compaesani, noi siamo gli eletti! Esultate!

Avanti così, finché non sarà solo la puzza a soffocarci, ma rimarremo schiacciati dall’immondizia proveniente da tutta Italia. Tossica? Non importa. Radioattiva? Chissenefrega. Cancerogena? Yeeeeeeee.

Nel delirio di immobilismo dal quale ci si potrebbe riscuotere prima del soffocamento, c’è qualcuno che sta disperatamente tentando di fare qualcosa. Il minimo (ma proprio il minimo) che potete fare, è andarvi a leggere qui che cavolo sta succedendo.

 

Contrassegnato da tag , , , , , , , , ,

Saviano sì

C’è Italiaterranostra che è un giornale online che ho anche tra i miei link. Ce l’ho perché dentro ci ho trovato delle inchieste belle riguardanti la gestione dei rifiuti in Puglia (una in particolare, di Etta Ragusa). Ieri, però, ci ho trovato una brutta sorpresa.

Si tratta di un articolo di Francesca Foschini su Roberto Saviano. Francesca Foschini, mi pare di capire perché nonostante tutto l’articolo è anche un po’ confuso, titola così: “Saviano: la nuova star Mondadori”. E nell’articolo si passa dal rilevamento del successo di Saviano nella casa editrice, alla questione della scorta al fatto che (a quanto pare) la Foschini avrebbe fatto a Saviano delle domande alle quali lui non ha risposto.

La vis polemica e velenosa della Foschini mi ha fatto pensare a un atteggiamento che ho scoperto essere molto diffuso in Italia e anche a Lizzano (che oltre che essere in Puglia, è anche in Italia): è l’atteggiamento di chi vede un nemico in una persona che ha avuto la possibilità di farsi valere grazie alla qualità del suo lavoro.

In Italia la nostra democrazia è più che mai imperfetta e la meritocrazia quasi non esiste. Per cui le eccezioni a questa regola vengono spesso salutate con livore piuttosto che con gioia e con la speranza che possano indicare la strada per un cambiamento generale.

Se uno ha la possibilità di fare qualcosa di grande e di bello, questa è una vittoria per tutta la società. Il nemico non è chi realizza questa possibilità, ma chi impedisce agli altri di farlo. Altrimenti continueremo a fare il gioco di chi ha tutto l’interesse perché le eccellenze rimangano isolate e cadano nel dimenticatoio.

Questo atteggiamento, che secondo me spesso a noi ci viene proprio naturale, porta tutto al ribasso e renderà ancora più difficile il riscatto della nostra terra dall’ignoranza e dal malgoverno a cui sembriamo condannati da sempre.

Contrassegnato da tag , , , , , ,
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: