Archivi tag: francesca cavallo

Vediamoci di persona!

A partire da domani fino al 13 aprile sarò in giro per le librerie del centro-sud per presentare i libri che ho creato con Timbuktu e DeAgostini. Per questa ragione, che abbiate dei bambini o no, mi farebbe tanto piacere se veniste a conoscermi di persona. Di seguito le date:

francesca+romeo_giulietta

Mercoledì 8 aprile, ore 16.30 – Francavilla Fontana (BR), Corso Garibaldi 15 – Libreria Francavillese
Lettura animata per grandi e bambini di “Romeo e Giulietta – Una filastrocca scavezzacollo ispirata alla tragedia di William Shakespeare”.

Venerdì 10 aprile, ore 18 – San Vito dei Normanni – ExFadda
Laboratorio di “Esperimenti Schifosi” il nostro libro per avvicinare i bambini alla scienza in modo divertente. Sperimenteremo il “Tocco della Morte”, lo “starnuto di mostro” e forse anche la sfera anti-gravitazionale.

IMG_1850

Sabato 11 aprile, ore 16.30 e ore 18 – Matera – Casa Netural
Laboratorio di “Esperimenti Schifosi” all’interno dell’incubatore di sogni in una delle città più belle del mondo.

Domenica 12 aprile, ore 17.30 – Taranto, via Di Palma 69 – Libreria UBIK
Lettura animata per grandi e bambini di “Romeo e Giulietta”.

Lunedì 13 aprile, ore 17.00 – ROMA, via degli Etruschi 4 – Libreria Assaggi
Laboratorio di “Esperimenti Schifosi”.

In tutti i luoghi del laboratorio troverete i libri in vendita se li vorrete comprare. Per chi lo vorrà, sarò felicissima di scrivere una dedica per i vostri figli, nipotini, cuginetti. Vi garantisco che saranno dei pomeriggi… esplosivi.

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , ,

SIGNORE E SIGNORI: LA NUOVA TIMBUKTU!!!

Oggi mi scoppia il cuore di gioia.

Negli ultimi mesi ho lavorato durissimamente, e mi sono confrontata con sfide che mai avrei pensato di essere capace di affrontare. È bello. Ho avuto la fortuna di condividere questo percorso con una squadra di persone davvero straordinarie: Elena, Samuele, Diego, Annalisa, Trevor ed Erica. È un lusso lavorare sul dettaglio con l’approfondimento con cui l’abbiamo fatto, e posso dire con orgoglio di aver lavorato davvero tanto e senza risparmiarmi mai per potermi concedere questo lusso.

Oggi nasce la nuova versione di Timbuktu, la iPad app per genitori e bambini.

Troverete ogni giorno una storia, un gioco o un’attività da fare con i vostri bambini, con il design dei più straordinari giovani artisti da tutto il mondo.

La potete scaricare qui: https://itunes.apple.com/app/timbuktu/id428469245?mt=8.

Augurateci buona fortuna, abbiamo ancora tantissima strada da fare! Fatemi sapere che ne pensate, e se potete lasciateci una bella recensione sull’App Store!

Immagine

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , ,

Domani alla Fiera del Levante

Domani alla Fiera del Levante

Domattina interverrò via Skype all’evento “Giovani, Creatività e Impresa” collegato al Festival dell’Economia di Trento e ospitato da The Hub Bari al Padiglione 129 della Fiera del Levante.

È un evento davvero straordinario e sono onoratissima di intervenire!

Contrassegnato da tag , , , , ,

Essere su tanti giornali

Non capita tutti i giorni. Ma oggi sì, perché oggi Timbuktu, il progetto a cui sto lavorando in California, è su tutti i maggiori giornali tecnologici degli Stati Uniti. Perché 500 Startups, il programma di accelerazione in cui siamo stati i primi italiani a entrare, ha dato l’annuncio ufficiale con l’elenco delle aziende ammesse.

Per preparare il lancio della notizia, ieri abbiamo girato insieme a tutti gli altri giovani imprenditori che sono con noi in questo magnifico ufficio, questo video. Date un’occhiata!

Per chi parla inglese, sul blog di Timbuktu, c’è un breve racconto dell’esperienza che stiamo facendo nella Silicon Valley.

Contrassegnato da tag , , , , , , , ,

Somari verrà a Lizzano, ma nel frattempo

Potete leggervi la recensione di Francesca Brancaccio su Persinsala. Questo è un pezzetto:

Tre personaggi interessanti, diversi e amabili nella loro complessità, tre attori superbi e onesti che fanno della loro età (giovane) uno dei punti di forza dello spettacolo. La drammaturgia è eccellente: segnalata all’interno del Premio Hystrio con la menzione speciale per Scritture di Scena Under 35, incalza e intriga come un thriller, diverte come una commedia, emoziona come un dramma , è precisa come un documentario o una cronaca e interessante come ogni riflessione vera sulla realtà.

E aspettare così l’inizio di Sferracavalli.

PS: Domani andiamo a ritirare la menzione speciale al Premio Hystrio Scritture di Scena_Under35!

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , ,

Lasciare spazio agli altri

È una delle cose che cerco di insegnare nei miei laboratori di teatro. Me lo ha detto una mia allieva e mi ha quasi commosso.

Intanto, buon voto a tutti quelli che ancora non lo hanno fatto.

Contrassegnato da tag , , , , ,

In tutto questo, Somari ha debuttato

Il nuovo spettacolo di kilodrammi dedicato alla scuola e all’adolescenza ha debuttato venerdì a Milano, al festival Segnali.

È stato davvero molto bello. Poi oggi abbiamo saputo che ha ricevuto una menzione speciale al Premio Hystrio Scritture di scena_Under35 (per il testo insomma).

E questo è il promo video.

PS: Una confessione personale. Ho iniziato a scrivere “Somari” perché ho alcuni cugini adolescenti a cui voglio davvero molto bene. Avevo voglia di fare uno spettacolo che potesse piacergli sul serio e che potesse parlare di loro. I primi a cui ho dedicato questo progetto sono loro. Giulia, Federica, Salvatore, Paola e Anna. Sono anche stati tra i primi a cui ho mostrato le immagini dello spettacolo e i loro commenti sono stati per me un importante incoraggiamento. Grazie.

PPS: Per la prima volta un mio spettacolo verrà a Lizzano questa estate, al festival Sferracavalli. È proprio Somari, quindi state all’erta!

Contrassegnato da tag , , , , , ,

Quanto contano le parole

Questo è un articolo che ho scritto il 9 maggio e che è stato pubblicato oggi su Pugliapress. Oggi c’è stato il comizio di chiusura della campagna elettorale, e lo staff di Progetto per Fragagnano lo ha fatto leggere sul palco prima dell’inizio. Eccolo.

Non so voi, ma io quando mi immagino la politica molto spesso me la immagino complicata, difficile, distante. Non ne capisco le frasi, non trovo un senso alle parole, mi intimidiscono le formule, e così spesso ho rinunciato a capire. Ho pensato che non facesse per me e che forse c’erano persone più “portate” che riuscivano a capire quella lingua e addirittura a parlarla.

Crescendo e studiando mi sono resa conto che mi sbagliavo. Ho capito che quando i politici dicono cose incomprensibili, o sono così ignoranti da non saper mettere quattro parole in croce (e allora che ci fanno lì?), oppure stanno cercando di nascondere qualcosa.

È tempo ormai che nessuno pensi di essere troppo ignorante per poter capire un politico: è il compito dei politici farsi capire da tutti. Se non li capite, non è colpa vostra. È colpa loro.

Vivo a Milano da un po’ di anni, ma torno spesso in quella che continuo a considerare casa, nel mio amato sud. Quando torno mi piace incontrare le persone, ascoltare le idee, pensare e progettare insieme. Per questo motivo sono andata a Fragagnano a sentire i comizi di due dei candidati che si stanno fronteggiando per la carica di sindaco. Michele Andrisano la prima sera, Pino Todaro la seconda. Mi occupo di comunicazione per lavoro e mi sarebbe molto piaciuto fare un sondaggio tra i presenti alla fine del comizio di Andrisano: che cosa ha detto?

L’unica cosa che io riesca a ricordare è un’insinuazione sul fatto che Pino Todaro potrebbe decidere di diventare un dipendente della discarica Vergine dopo essere stato eletto, e quindi tradire il suo elettorato (una parte importante della campagna elettorale di Todaro e della sua storia personale riguarda la lotta all’ecomostro).

Vi faccio una domanda adesso: non vi sembra un po’ poco? Non vi sembra poco che in un comizio di (quanto?) venti minuti l’unico concetto espresso sia un’insinuazione?

Dove sono i progetti? Dove sono le speranze, dove punta lo sguardo Andrisano? Ha detto che Todaro potrebbe fare un voltafaccia e iniziare a lavorare per l’imprenditore senza scrupoli che per tutti questi anni ha combattuto, ma non ci ha detto neanche che cosa ne pensa lui di questo imprenditore. Lui che farebbe? Lui che farà?

La domanda che mi sono fatta è: un fragagnanese perché dovrebbe votare Andrisano? Quali proposte sposerebbe votandolo? Nessuna. O almeno, nessuna comprensibile. E forse nessuna che abbia a che fare con un voto libero. E questo non perché lo dico io, ma perché le proposte di Andrisano non ci sono. C’è la volontà di andare al comune e basta. A far che, non è dato di saperlo.

Pino Todaro ha parlato del suo lavoro, delle sue competenze e di come le spenderebbe (le spenderà!) per migliorare Fragagnano. Ha parlato del PUG, di ambiente, di strade, di lavoro. Sentendolo parlare si capisce che non si tratta di promesse, si capisce di stare parlando con una persona che sa quello che dice e che lo racconta chiaramente, perché non ha niente da nascondere.

Pino Todaro non nasconde il motivo che lo ha spinto a candidarsi e non dà per scontato il fatto di candidarsi a sindaco. Ha capito che per rendere più efficace la sua battaglia per una Fragagnano migliore, non doveva avere paura di “entrare in politica”. La sua candidatura è una testimonianza importante per tutti noi. Nei nostri paesi c’è uno straordinario risveglio delle coscienze in atto, che molto spesso si esprime nell’associazionismo. È una cosa davvero meravigliosa che sta portando nuova vita alle comunità di cui facciamo parte.

A mano a mano che questa consapevolezza aumenta, però, c’è bisogno di gente come Pino, che abbia il coraggio di passare dall’altra parte e di mettersi in gioco in quella politica che tutti stancamente ripetiamo essere sporca, inutile, ma che inutile non è e che può fare la differenza.

Mi auguro con tutto il cuore che i fragagnanesi siano forti. Che non si facciano travolgere dai soliti particolarismi, dai pettegolezzi, dalle gelosie. Che non si facciano travolgere dal peggiore dei mali, il voto di scambio. Mi auguro che facciano scuola di libertà e buon senso ai comuni vicini ancora una volta, come quando per primi manifestarono contro la discarica Vergine. Mi auguro che i fragagnanesi abbiano davvero voglia di cambiare perché di quella politica immobilista e ignorante non ne possiamo davvero più. Mi auguro di poter condividere presto con loro la gioia di sapere che hanno eletto una giunta giovane con tante voci e che, a capo di quella giunta, c’è Pino Todaro.

Contrassegnato da tag , , , , , ,

Intervista a Pino Todaro

Come promesso, ecco i video della chiacchierata di venti minuti con Pino Todaro. Parliamo del futuro di Fragagnano, di che cosa c’entra la discarica Vergine, di problemi tecnici e di un movimento importante che riguarda la politica italiana (e del sud in particolare) nel suo insieme: la candidatura di cittadini che non vengono dai partiti e che dei partiti non sopportano la struttura e le gerarchie che spesso spengono sul nascere qualsiasi spinta verso il cambiamento.

Buona visione.

Contrassegnato da tag , , , , , , , ,

Fare il sindaco a Fragagnano

In questi giorni mi sono fatta coinvolgere dai penultimi scampoli della campagna elettorale fragagnanese. Fragagnano, per chi non lo sapesse, è un piccolo paese vicinissimo a Lizzano che condivide con noi il problema della discarica Vergine e della puzza. Prima ancora che il movimento “No alla Puzza” nascesse a Lizzano (per poi diventare più serio e popolare con Attiva Lizzano) i fragagnanesi avevano già manifestato ed eletto un sindaco di centrosinistra, la signora Alfonso, che aveva impostato buona parte della sua campagna elettorale contro la discarica.

Che è successo però? Una cosa che farete fatica a crederla: questo sindaco ha firmato un accordo con i gestori della discarica che prevede che la ditta Vergine corrisponda 300.000 euro all’anno al comune di Fragagnano in cambio di un silenzio assenso su tutte le sue attività. [Non si arrabbino quelli che queste cose le sanno da tempo, devo fare un breve riassunto per chi non ha mai sentito parlare di Fragagnano prima d’ora!]

Il voltafaccia della signora Alfonso è stato un brutto colpo per tutti noi, ma allo scadere del suo mandato Fragagnano potrebbe avere una bella chance di riscatto.

Uno dei tecnici più attivi e informati del nostro territorio in merito alla questione discarica ha deciso di “scendere in campo” e si è candidato sindaco a Fragagnano. Si chiama Pino Todaro, ed è un ingegnere. Ho deciso di andare a farmi una chiacchierata con lui e ho portato con me la telecamera.

Domani sarà online il video dell’intervista.

Contrassegnato da tag , , , , , , , ,
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: