Archivi tag: miasmi

Alessandro non è di Lizzano

Eppure ha trovato su internet i nostri video, e ha deciso di farne uno lui. In cui invita tutti gli italiani a stare dalla nostra parte, perché “Lizzano è l’Italia e l’Italia è Lizzano”. L’ho trovato per caso stamattina, spulciando i link dai quali erano arrivati a questo blog. A quanto pare non è vero che a nessuno gliene importa niente.

 

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Allora la puzza si sente! (Qui la potete anche vedere)

Dopo anni a discutere se la puzza si senta o meno (c’era qualcuno che si ostinava a dire che non si sentiva, per carità non ci chiedete il perché) siamo giunti a una certezza. Anzi a due, in un colpo solo. La puzza si sente (non è un’invenzione di chi non ha niente di meglio da fare) e sì, viene proprio dalla discarica Vergine. Questo, grazie a un rilievo Arpa, è stato stabilito qualche giorno fa. Ok, fin qui ci siamo.

Sentirla si sente. Ma vederla? Per vederla oltre alle foto del concorso che un po’ sono qui e un po’ girano su facebook, potete guardare qui una raccolta delle foto più belle della festa dell’accoglienza di oggi. Già, perché alla festa dell’accoglienza, tutti i bambini, le mamme e tutti gli altri, a Lizzano, si sono presentati con una mascherina sulla faccia. C’è ancora qualcuno che ha tentato di prenderli in giro quelli che a Lizzano gli vogliono bene, ma a guardare queste immagini, si capisce chi è il protagonista della giornata di oggi.

È gente nelle cui mani c’è, già oggi, il futuro di Lizzano. Godeteveli.

 

E qui, giusto per chiudere in bellezza (per chi se lo fosse perso), il video girato questa estate, in occasione della processione del nostro patrono:

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , ,

L’isola che (purtroppo) c’è

Oggi Lizzano protesta. Oggi Lizzano è in festa. Vi sembrano cose contrastanti? Non lo sono, perché non si può non festeggiare quando gli abitanti di un paese decidono di alzare la testa e dire senza paura per le strade: “noi a questo paese gli vogliamo bene, non sarà così facile strozzarlo”. Questo sarebbe bello celebrare oggi: una grande festa non contro qualcuno, ma PER il nostro caro paese. In cui si celebra l’amore per la nostra terra. C’è bisogno di essere forti, di essere in tanti, perché solo in tanti si può combattere questa battaglia, non per retorica, ma per una semplice verità: il paese è di tutti, e non c’è nessuno che se ne possa occupare da solo, persone singole o gruppi che siano.

Sarebbe bello che oggi il sindaco Stefano, il sindaco di Taranto, guardasse anche lui Lizzano in festa. Che capisse l’importanza cruciale per noi di quell’isola amministrativa (mai dimenticata dai politici) e dei paesi che le stanno intorno, in perenne oblìo.

Nel 2007 sul blog del Presidio Permanente No Discariche comparve questa lettera a Ippazio Stefàno, avremmo potuto scriverla anche oggi:

Isola amministrativa di Taranto. E’ qui che la democrazia finisce, sepolta viva sotto i rifiuti che la gente del posto non sopporterà oltre. La discarica Vergine è l’ennesima fine di questo territorio, di questa provincia in cui 72 discariche per 29 Comuni sono uguali all’inizio del degrado di una dignità che noi continueremo a difendere con le unghie e coi denti.
Contrada Palombara, isola amministrativa di Taranto. E lei, Stefano, sindaco in carica, che dice al riguardo? Starà ancora zitto? I silenzi saranno considerati complicità di fronte ai tanti cittadini pronti a fare qualcosa, qualsiasi cosa pur di difendersi nel nome di una causa giusta. Persone che hanno intrapreso un cammino collettivo contro la paura che incute il nome di un gestore di immondizia, per anni spalleggiato da quei politici pronti a dargli autorizzazioni e nulla osta e altrettanto pronti a far finta di niente quando a parlare è la gente comune.
Continua a leggerla qui.
Contrassegnato da tag , , , , , , , , , ,

Dedicato ad Attiva Lizzano e alle manifestazioni di questi giorni

Mi piacerebbe tanto essere a Lizzano in questi giorni. Sento dalle voci al telefono la trepidazione che precede sempre l’accadere di qualcosa. Mi sembra che questo qualcosa sia bello. Lasciatevi coinvolgere se non lo avete ancora fatto.

Il mio augurio per tutti i lizzanesi che si stanno muovendo, l’ho trovato stamattina, in una poesia di Bruno Munari.

ALBERO

l’esplosione lentissima

di un seme.

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , ,
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: