Archivi tag: paola caruso

WORK

Nell’ultima settimana si è parlato parecchio di lavoro. Per via di Paola Caruso, la giornalista del Corriere che ha fatto uno sciopero della fame per non essere stata assunta dopo 7 anni di collaborazioni a progetto. Se n’è parlato tanto e da molti punti di vista. Alcuni rispettabili, altri decisamente no.

Quelli che decisamente no, sono quelli di chi dice “c’è crisi, è così. Vedrete che chi è bravo ce la farà comunque.”

Il problema, lo diciamo chiaro e tondo, non è “farcela comunque”. Questo è un modo per niente innovativo di affrontare la questione, un modo retrogrado: non si tratta di una novità portata dalla crisi, è qualcosa che c’è sempre stato. Ma la crisi c’è, e un ripensamento è necessario.

L’ultimo numero di Good Magazine ha come tema “work”, il lavoro appunto. Traduco qui l’editoriale, perché secondo me è il punto di vista più interessante e innovativo che abbia sentito fino a oggi sulla questione.

Sia che ci affatichiamo in un lavoro a tempo determinato, che cerchiamo di trasformare una nostra passione in una carriera o che dobbiamo prenderci cura della nostra famiglia con tutti i mezzi necessari, tutti dobbiamo lavorare. Data questa realtà, è strano che non facciamo di più per migliorare la nostra vita lavorativa.

Potrebbe sembrare strano oggi parlare in questi termini di lavoro, visto che in giro ce n’è così poco. Ma quando non ci sono problemi di occupazione, il lavoro è dato per scontato. Andiamo a lavorare. Ci arriva la paga. Torniamo a lavorare. Adesso – che il lavoro è il primo dei nostri pensieri – potrebbe essere il momento migliore per cambiare le nostre cattive abitudini.

Sarebbe bello che questo numero, allora, servisse come punto di partenza per una nuova generazione di lavoratori per ripensare alle condizioni del loro lavoro. Nel farlo, forse, potremmo emergere da questa crisi non solo con un’economia rivitalizzata, ma anche con una nuova prospettiva sull’attività che occupa la maggior parte del nostro tempo da svegli.

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , , ,

AAA cercansi possibili soluzioni

Dunque.

1) Ieri sono state rese note le motivazioni della sentenza di condanna di Marcello Dell’Utri per concorso in associazione mafiosa dello scorso giugno. I giudici hanno accertato che Dell’Utri avrebbe operato come “specifico canale di collegamento” tra Cosa Nostra e Silvio Berlusconi.

2) L’immagine internazionale dell’Italia non è mai caduta tanto in basso.

3) Il lavoro è un problema enorme che nessuno sta affrontando.

Come si fa? Bisogna installare nella mente di Berlusconi l’idea di dimettersi?

 

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , ,
Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: