Archivi tag: repubblica

Trenta colpi

Oggi Roberto Saviano racconta la strage in provincia di Vibo Valentia, “peggio della ‘ndrangheta”.

Gli animali che sconfinano e mangiano l’orto e rovinano la coltivazione. Alberi tagliati senza permesso compromettendo la frutta. I confini della terra continuamente manomessi, e poi in piazza non ci si saluta e si sentono gli sfottò arrivare dietro la schiena. Anzi, un giorno dopo una discussione prendersi uno schiaffo in pieno viso. Questo è sufficiente per far decidere a Filandari in provincia di Vibo Valentia di condannare a morte. Ercole Vangeli e – secondo quanto sta emergendo dalle indagini – alcuni suoi parenti, non vogliono più che i vicini gli freghino la terra, non vogliono più che li prendano in giro in paese dicendo a tutti che loro, i Fontana, fanno quello che vogliono e i vicini, i Vangeli, sono dei miserabili che devono obbedire. Non vogliono più vedere gli zoccoli delle bestie dei Fontana rovinare le loro colture. Né vogliono vedere i loro nocciòli e gli ulivi estirpati per allargare le coltivazioni dei Fontana. Vogliono vendicarsi.

Continua a leggere qui.

 

Contrassegnato da tag , , , , , , , , ,

Democrazia mafiosa

Su Repubblica di oggi c’è un articolo di Roberto Saviano molto bello.

Nell’ultimo periodo mi è capitato spesso di discutere del voto di scambio e del fatto che, se dovessi fare una campagna per una qualche lista elettorale del mezzogiorno, più che contro gli avversari punterei tutto contro la pratica del voto di scambio. L’ho detto spesso in questi giorni, e molti mi hanno risposto: “E perderesti, è una cosa troppo radicata.”

E’ inaccettabile. Finché non ci scandalizzeremo anche solo a nominarlo questo maledetto modo di pensare il voto, l’Italia non potrà diventare un paese davvero moderno e civile.

Un paragrafo dell’articolo di Roberto dice così:

Il codice etico elettorale viene sbandierato quando si è molto lontani dalle elezioni e poi dimenticato quando bisogna candidare chi ti porta voti. Conviene essere contro le organizzazioni, ma se questo significa perdere? Cosa fai? Compromesso o sconfitta? Tutti rispondono compromesso. E questo perché la politica sembra essersi ridotta a mero strumento che usi per ottenere quello che il diritto non ti dà. Se non hai un lavoro, cerchi di ottenerlo votando quel politico; se non hai un buon letto in ospedale, cerchi di votare il consigliere comunale che ti farà il favore di procurartelo. Ecco, questo sta diventando la politica, non più rispetto dei diritti fondamentali, ma semplice scambio. Quello che si fatica a comprendere, è che il politico che ti promette favori ti dà una cosa ma ti toglie tutto il resto. Ti dà il letto in ospedale per tua nonna, ti dà magari l’autorizzazione ad aprire un negozio di tabacchi, ti dà mezzo lavoro: ma ti sta togliendo tutto. Ti toglie le scuole che dovresti avere per diritto. Ti toglie la possibilità di respirare aria sana, ti toglie il lavoro che ti meriti se sei capace. Questa è diventata la politica italiana: se non ne prendiamo atto, si discute su un equivoco.

Il resto, leggetelo qui.

Contrassegnato da tag , , , , ,
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: